Un imprenditore del settore agro-alimentare mi chiede la ragione per cui è stato chiamato a rispondere penalmente per la messa in commercio di un singolo prodotto non conforme sebbene avesse conferito una specifica delega di funzioni al responsabile dello stabilimento (facente parte dell’impresa medesima) dove il prodotto stesso era stato materialmente realizzato. In particolare la ragione dello stupore è dovuta al fatto che tale imprenditore è il legale rappresentante di una società di notevoli dimensioni e che dalle indagini esperite dal Pubblico Ministero non emergerebbe che la non conformità (cattivo stato di conservazione – lett. b L.283/62) sia riconducibile a difetti organizzativi e strutturali. Casi di questo tipo sono effettivamente abbastanza frequenti…